Cera Carnauba nei cosmetici: cos’è, a cosa serve, proprietà

A volte negli INCI cosmetici ci imbattiamo nella cera Carnauba. Ma, cos’è di preciso? A cosa serve e quali sono le sue proprietà? Scopriamolo nei paragrafi successivi.

Cera Carnauba: cos’è

La cera Carnauba o cera di Carnauba è una cera che si ricava dalle foglie della palma Copernicia prunifera, che cresce nel nord-est del Brasile. Questa cera ha il compito di proteggere le foglie dal clima secco; infatti, è proprio durante la stagione arida che avviene la raccolta per estrarre la cera.

cera_carnauba_scaglie

Cera Carnauba: proprietà, a cosa serve, usi

La cera Carnauba ha un colore verde e può assumere diverse tonalità (più chiara o più scura, quasi nera) a seconda della lavorazione. Quella di impiego industriale è di qualità più pregiata ed è di colore chiaro, giallo-verdastro o bianca se viene sottoposta a processi di decolorazione. Questa cera viene apprezzata per le sue proprietà idrorepellenti, conservanti, addensanti, lucidanti ed emollienti della cute.

Cera Carnauba: a cosa serve, usi

In cosmetica la cera Carnauba è usata per produrre rossetti, balsami labbra, deodoranti, ombretti in crema, mascara, eyeliner, fondotinta e creme. Grazie alle sue qualità, conferisce ai prodotti la giusta consistenza, resistenza all’acqua e brillantezza. Inoltre, aiuta a rendere la pelle più morbida ed è ipoallergenica. La cera della Copernicia prunifera trova impiego anche in altri settori: viene, per esempio usata in molti prodotti lucidanti per automobili, pavimenti e mobili. Le industrie alimentari la usano glassare confetti e per creare caramelle particolarmente lucide, come le Haribo; tra gli additivi alimentari è indicato con la sigla E903. Le aziende farmaceutiche usano questa cera per i rivestimenti delle pastiglie. Nei medicinali questa sostanza svolge un ruolo di conservante-antiossidante per preservare i principi attivi, ma non solo. Il contenuto di esteri a basso peso molecolare è in grado di migliorare gli odori e i sapori rendendo l’assunzione più gradevole.

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consiglio di dare un’occhiata all’articolo sul Benzyl Alcohol e a quello sulla lanolina.

Buon proseguimento di lettura!


About Mariana Leo

Appassionata di make up e sempre aggiornata sulle ultime innovazioni beauty. Esperta di ricette cosmetiche fai da te, ama "pasticciare" con gli ingredienti che trova nella dispensa. Non esce mai di casa senza trucco, nemmeno per buttare la spazzatura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *