Cera Carnauba nei cosmetici: cos’è, a cosa serve, proprietà

A volte negli INCI cosmetici ci imbattiamo nella cera Carnauba. Ma, cos’è di preciso? A cosa serve e quali sono le sue proprietà? Scopriamolo nei paragrafi successivi.

Cera Carnauba: cos’è

La cera Carnauba o cera di Carnauba è una cera che si ricava dalle foglie della palma Copernicia prunifera, che cresce nel nord-est del Brasile. Questa cera ha il compito di proteggere le foglie dal clima secco; infatti, è proprio durante la stagione arida che avviene la raccolta per estrarre la cera.

cera_carnauba_scaglie

Cera Carnauba: proprietà, a cosa serve, usi

La cera Carnauba ha un colore verde e può assumere diverse tonalità (più chiara o più scura, quasi nera) a seconda della lavorazione. Quella di impiego industriale è di qualità più pregiata ed è di colore chiaro, giallo-verdastro o bianca se viene sottoposta a processi di decolorazione. Questa cera viene apprezzata per le sue proprietà idrorepellenti, conservanti, addensanti, lucidanti ed emollienti della cute.

Cera Carnauba: a cosa serve, usi

In cosmetica la cera Carnauba è usata per produrre rossetti, balsami labbra, deodoranti, ombretti in crema, mascara, eyeliner, fondotinta e creme. Grazie alle sue qualità, conferisce ai prodotti la giusta consistenza, resistenza all’acqua e brillantezza. Inoltre, aiuta a rendere la pelle più morbida ed è ipoallergenica. La cera della Copernicia prunifera trova impiego anche in altri settori: viene, per esempio usata in molti prodotti lucidanti per automobili, pavimenti e mobili. Le industrie alimentari la usano glassare confetti e per creare caramelle particolarmente lucide, come le Haribo; tra gli additivi alimentari è indicato con la sigla E903. Le aziende farmaceutiche usano questa cera per i rivestimenti delle pastiglie. Nei medicinali questa sostanza svolge un ruolo di conservante-antiossidante per preservare i principi attivi, ma non solo. Il contenuto di esteri a basso peso molecolare è in grado di migliorare gli odori e i sapori rendendo l’assunzione più gradevole.

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consiglio di dare un’occhiata all’articolo sul Benzyl Alcohol e a quello sulla lanolina.

Buon proseguimento di lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni anonime e rispettando la tua privacy, sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi