I 5 utilizzi cosmetici dell’aceto

In questo sito parliamo spesso di rimedi naturali perchè ci piacciono, spesso sono migliori dei prodotti industriali e, in alcuni casi, permettono addirittura di risparmiare.
Tra le varie soluzioni casalinghe, anche l’aceto può essere usato come trattamento di bellezza; ecco, quindi, elencati sotto i 5 utilizzi cosmetici dell’aceto!

I 5 utilizzi cosmetici dell’aceto

pretty-woman-635258_960_720

Sulle punture di zanzara: le punture di zanzara sono molto frequenti d’estate, soprattutto se ci dimentichiamo di utilizzare un repellente.

Ma perchè mai comperare un dopopuntura? Se durante la bella stagione vi ritrovate una di quelle fastidiose bolle pruriginose, imbevete un panno con dell’ aceto di mele, quindi, tamponatelo sulla zona della puntura. La vostra pelle si rinfrescherà e il bruciore sarà alleviato.

Sui capelli dopo lo shampoo: risciacquare i capelli con l’aceto è un antico consiglio della nonna che ha numerosi vantaggi. Prima di tutto, bisogna sapere che agisce come balsamo naturale rendendo la chioma più morbida e facile da pettinare.

La sua azione sgrassante lo rende indicato nei casi di sebo eccessivo, ma, allo stesso tempo, è ottimo anche per ridare luce ai capelli secchi e sfibrati e come rimedio anti doppie punte. Le funzioni purificanti e rinforzanti dell’aceto, inoltre, aiutano a contrastare la caduta dei capelli. La quantità da utilizzare per i risciacqui è di quattro cucchiaini ogni mezzo litro di acqua.

Per migliorare la pelle grassa: la soluzione ai nostri problemi, spesso, è dentro alla dispensa della cucina. L’aceto (meglio se di mele) leggermente diluito, infatti, diventa un ottimo tonico per migliorare una cute seborroica, combattere i brufoli e per schiarire le macchie da acne. Inoltre, mescolato all’argilla è un ingrediente utile per creare una maschera purificante.

shower-1027904_960_720

Nel pediluvio: lavare i piedi con acqua e aceto può rivelarsi una splendida soluzione contro il gonfiore e il cattivo odore. Perchè non provare?

Basta aggiungere un bicchiere o un bicchiere e mezzo, a seconda della grandezza della bacinella, ad acqua calda (deve essere circa 37 gradi). L’aceto, inoltre, è anche un blando antimicotico, che, combinato ad alcune essenze, come ad esempio il tea tree oil può risolvere il problema dei cosiddetti funghi delle unghie.

Come collutorio: chi l’avrebbe detto che l’aceto fa bene al sorriso? Grazie alle sue caratteristiche di battericida, antiodore e sbiancante, infatti, può essere usato per migliorare l’igiene orale dopo aver lavato i denti. Basta aggiungerne tre cucchiai a mezzo litro d’acqua.

Se questo articolo ti è piaciuto, dai un un’occhiata anche agli altri pubblicati in questa sezione. Troverai tanti utilissimi rimedi fai da te.
Torna spesso a trovarci! A presto!


About Mariana Leo

Appassionata di make up e sempre aggiornata sulle ultime innovazioni beauty. Esperta di ricette cosmetiche fai da te, ama "pasticciare" con gli ingredienti che trova nella dispensa. Non esce mai di casa senza trucco, nemmeno per buttare la spazzatura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *