Il rientro a casa dopo il parto

Il rientro a casa dopo il parto

Ritornare a casa col proprio bambino

Il rientro a casa dopo il parto: ritornare a casa dopo il parto con il proprio bambino, rappresenta per ogni donna il traguardo sognato durante i nove mesi della gravidanza.

Già in questo periodo di attesa avete dovuto cambiare la vostra vita e le vostre abitudini; Prevedendo però che i veri cambiamenti sarebbero avvenuti dopo.

Probabilmente in vista di questo avvenimento avete letto libri, riviste specializzate, avete chiesto consigli ecc..

Avete cercato insomma, di programmare ogni cosa perché, finalmente quell’ora tanto attesa fosse arrivata, tutto fosse pronto e non potesse verificarsi nulla di imprevisto.

Il rientro a casa dopo il parto

Per quanto preparate, una volta messo piede in casa con questa nuova creatura tra le braccia, vi rendete conto che d’ora in poi la vostra  vita e il vostro rapporto pratico e psicologico con vostro figlio, saranno da inventare.

Per ogni donna la maternità è un’esperienza nuova, singolare, difficile ma contemporaneamente affascinante.

E’ naturale che voi neomamme, specialmente al vostro primo figlio, si sentiate come travolte dai problemi che insorgono ogni giorno.

A volte avete anche la paura di non essere all’altezza del nuovo ruolo.

Generalmente le domande che si pongono  le mamme sono sempre le stesse: avrà mangiato abbastanza? – Perché piange? – L’avrò cambiato bene? – Perché di notte si sveglia?

Solo l’esperienza e in modo graduale vedrete attenuarsi le vostre ansie.

Comunque il primo consiglio che vi posso dare è che non bisogna mai drammatizzare o pretendere che tutto fili liscio.

Tutti i bambini piangono, in alcuni periodi hanno poca fame o poco sonno, la notte si svegliano: questo è quasi un passaggio obbligato.

In conclusione posso consigliarvi che, comunque è molto importante, in questa fase molto delicata sia per il bambino che per voi mamme, sapersi organizzare: sarà infatti il primo passo perché la vita in casa con il vostro bambino acquisti un ritmo regolare e sereno.

Tutto questo va a vantaggio del benessere e della personalità del piccolino.

 

www.consiglitradonne.it

www.interpretazionedeisogni.altervista.org

Questo articolo è stato ispirato dal libro: E’ NATO – Manuale di puericultura per i primi anni di vita del bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni anonime e rispettando la tua privacy, sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi