Terrore notturno dei bambini

Terrore notturno dei bambini

 Che cosa è il Pavor notturno – Come si manifesta?

Terrore notturno dei bambini: Pavor notturno è un termine clinico che si usa per indicare tutti quegli episodi di terrore notturno che possono manifestarsi tra il secondo ed il quinto anno di età , può continuare fino agli 11-12 anni.

 Più raramente, può colpire una persona  adulta.

Gli episodi di pavor notturno o terrore notturno dei bambini, si verificano solo nella prima parte della notte ( quasi mai durante il sonnellino pomeridiano) durante la fase del sonno profondo e, sono connessi a fenomeni neurofisiologici  di scariche tensionali nervose o in casi di particolare stress psico-emotivo. 

Le cause del terrore notturno possono essere tante, in realtà molte volte restano sconosciute.

Seduto sul letto, dritto come un bastone, il bambino  inizia ad urlare sconvolto dalla paura, sudato, con gli occhi sbarrati. In realtà in quel momento il bambino non è sveglio ma continua a dormire, questa crisi  può durare da pochi minuti ad oltre mezz’ora, poi si rilassa e ricomincia a dormire tranquillamente.

La vista di un figlio che grida e si agita, senza che nulla possa calmarlo e consolarlo di solito spaventa molto i genitori.

Spesso i genitori si chiedono se queste manifestazioni siano riconducibili ad incubi oppure, a una convulsione oppure, se siano solamente nervose o emotive.

E’ necessario precisare che non si tratta di incubi. Quando Il bambino è spaventato da un incubo dopo è completamente sveglio e in grado di capire cosa lo ha svegliato e addirittura raccontare il sogno, mentre che, un bambino colto da Pavor notturno è come se avesse avuto una sorta di attacco di panico, ma non è in grado di collegarlo a nessun avvenimento.

Il terrore notturno non è neanche  una convulsione è  solamente un sintomo di una disfunzione cerebrale e di una scarica pulsionale neurofisiologica.

Cosa fare e come comportarsi  in caso di manifestazione di  Pavor notturno

Molto importante è non svegliare mai il bambino e lasciarlo stare nel suo lettino oppure, se si è arrampicato sulle sponde  rimetterlo dolcemente a letto, accarezzandolo e rassicurandolo a bassa voce.

Il giorno successivo non parlargli dell’accaduto, tanto non sarà in grado di valutare e di ricordare l’episodio.

Se questi episodi di terrore notturno, persistono oltre i cinque anni di vita è consigliabile rivolgersi ad uno specialista.

Esistono farmaci che possono curare il Terrore notturno dei bambini (Pavor notturno)?

Generalmente non si prescrivono dei farmaci la miglior cura potrebbe essere quella di dare molto affetto e coccole al bambino e, fare il possibile, durante la giornata, per non farlo spaventare o innervosire o stressare.

Terrore notturno dei bambini

www.consiglitradonne.it

www.interpretazionedeisogni.altervista.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni anonime e rispettando la tua privacy, sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi